IDENTITA' E INTROIEZIONE

L'introiezione è l'incredibile capacità che abbiamo di accettare le aspettative e le proiezioni degli altri, che ci vengono comunicate in modo non verbale verbalmente, di nascosto o apertamente.

Sei separato dalle tue introiezioni?

L'ultima volta che ne abbiamo parlato proiezione . Oggi parleremo di introiezione. L'introiezione è incredibile capacità che abbiamo di accettare le aspettative e le proiezioni degli altri, che ci vengono comunicate in modo non verbale o verbalmente, di nascosto o apertamente. Ecco un esempio di introiezione.

Sam ha 4 anni e si sta vestendo abbastanza bene ormai. Oggi sua madre ha fretta e non ha tempo di stendere i suoi vestiti per lui, così lei gli dice in fretta di andare a indossare dei vestiti "carini". Dovrà portarlo con lei a pranzo con le sue due migliori amiche: donne single con cui lavorava. Così,

Sam, davvero entusiasta di fare tutto da solo, sceglie la maglietta più appariscente e i blue jeans più belli che riesce a trovare. Lui li indossa con orgoglio e si affretta a mostrare alla mamma quanto velocemente riesce a vestirsi con abiti “carini”. La mamma sta parlando al telefono con la babysitter, che ha cancellato all'ultimo minuto.

Sam entra nella stanza per mostrare i suoi vestiti alla mamma. Ma la mamma è già irritata ed è davvero sconvolta nel vedere i vestiti che ha scelto. Gli fa cenno di tornare nella sua stanza con un'espressione di assoluto disgusto. Sam, adesso sconfitto, decide che dopotutto non sa come vestirsi, quindi si toglie i vestiti e si siede e resta nella sua stanza in attesa che la mamma venga a vestirlo. Quando arriva lì, è furiosa, perché ora non solo non ha scelto correttamente, ma ora è seduto lì a guardarla come se fosse "stupido" o qualcosa del genere. Adesso Sam si sente anche peggio. Non riesce a vestirsi da solo e si sente un po' stupido. Lo deve essere vero, lo ha detto la mamma.

Questo è un esempio apparentemente innocuo della routine quotidiana in una famiglia con una madre stressante e un giovane bambino incerto. Ma se giudizi e rifiuti simili dovessero verificarsi abbastanza frequentemente, il giovane Sam potrebbe finire per sentirsi sconfitto prima ancora di iniziare la sua vita. Quel disfattismo è un'introiezione.

Sam non ha modo di capire il bisogno di sua madre di guardare le "nell'insieme", cioè ai graziosi amici mondani della mamma. E che ola mamma ra ha molta fretta poiché la babysitter non verrà.

Quello che Sam sa è che la mamma non è d'accordo con le sue scelte e ora pensa che sia stupido. Sam ha preso i problemi di sua madre e li ha incorporati nella sua visione di se stesso - una visione che alla fine diventerà in tutto o in parte, la sua identità .

Ovviamente, la mamma non ha davvero detto che Sam era stupido, anche se era molto imbarazzata al pensiero di come potesse apparire di fronte ai suoi amici con una camicia da cowboy rosso brillante, stivali da cowboy e blue jeans! Sam ha risposto ai sentimenti espressi attraverso la tensione del suo corpo, con le sue espressioni facciali, con minimo un piccolo movimento del viso.

I bambini sono molto intuitivi e ricettivi, e i bambini “sensibili” lo sono ancora di più. Ciò che di ricevono nella consuetudine si avvolge intorno a se stessi e crea la loro identità.

Perché?

E' il loro modo di provare a controllare il loro ambiente e allo stesso tempo accettare ciò che pensano gli adulti intorno a lui. Come in uno specchio.

I bambini guardano ai loro ambienti per definirli. Guardano i volti dei loro caregiver ed i loro vedi specchi. Lo fanno non solo per vedere se stessi, ma anche per la loro paura dell'abbandono.

Sentono di dover essere qualunque cosa si trovi in ​​quello specchio per mantenere una relazione con i loro caregiver.

Ciò che ricevono da coloro da cui dipendono completamente è travolgente. Il loro senso di sé va con la corrente sotterranea e diventano tutto ciò che vedono nello specchio. Quindi, cosa viene proiettato su di loro è anche ciò che i genitori non hanno risolto soli e i bambini lo accettano nella loro identità. Non l'hanno ancora sviluppato la capacità di rifiutare la proiezione.

https://www.psychologytoday.com/us/blog/traversing-the-inner-terrain/201306/identity-and-introjection


About the Author

Andrea Mathews, LPC, NCC, is a cognitive and transpersonal therapist, internet radio show host, and the author of Letting Go of Good:  Dispel the Myth of Goodness to Find Your Genuine Self.

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

topicchannel.online

Don't miss tour! Join our mailing list today!